IUPPITER GROUP | MEDIA • IuppiterNews • Iuppiter TV • Chiaia Magazine • La rivista del mare | LIBRI • Catalogo • Store
home | quelli di chiaia | S.O.S. chiaia | archivio numeri | news | primo piano | sollecitazioni | quartierissime | grande napoli | mobilità | banconote | saper vivere | movida
     
 
 
"Il mio motore? Va a grasso animale"
 
 
A Cellole, l’imprenditore Carlo Cilento produce energia pulita alimentando 3 motori di navi con scarti di grassi animali e oli vegetali. Il suo peggior nemico? La burocrazia

di Armando Yari Siporso
 
Finalmente un visionario nelle nostre terre. Non si può pensare diversamente ascoltando Carlo Cilento (nella foto), imprenditore campano con il pallino dell’ecologia, parlare di giganteschi motori di navi alimentati con scarti di grassi animali ed oli vegetali a bassissimo impatto ambientale, capaci di produrre 1000 kw ciascuno, senza inquinare e riscaldando allo stesso tempo a costo zero interi edifici ed impianti idraulici. Sembrerebbe un fantascenario di qualche piccolo paese scandinavo. E invece tutto ciò Carlo Cilento lo ha realizzato. Nel cuore della Campania. Sotto il suo ufficio di Cellole, in provincia di Caserta, 3 motori di navi (vedi foto in alto) a 750 giri sono stati adattati per produrre in totale 3 megawatt di energia in modo ecologico, sicuro e forse, in prospettiva futura, anche economicamente conveniente, fornendo al contempo il riscaldamento per una superficie di 3000mq in inverno e l’acqua calda tutto l’anno grazie al rapporto di 1,5 megawatt termici prodotti per ogni megawatt elettrico generato. E se lavarsi le mani con l’acqua riscaldata autonomamente (e gratuitamente) sfruttando grassi animali può essere considerata una “magra” consolazione, il rivendere l’energia prodotta può invece costituire un business. Un business pulito, in tutti i sensi. L’energia venduta all’Enel ed immessa nella rete è infatti tra le più pulite ottenibili dall’uomo perché ricavata da quelli che tutti gli altri continuano a considerare rifiuti e, inoltre, essendo ecologica, è anche una energia preziosa, perché provenendo da “fonti rinnovabili” ha il considerevole valore di mercato di 0,28 centesimi € per Kw. «Alcuni hanno provato ad utilizzare l’olio di colza come biodiesel, noi siamo i soli in Campania e tra i pochissimi in Italia ad utilizzare gli scarti dei grassi animali come carburante ecologico per i nostri motori», afferma con orgoglio Cilento che rilancia: «Il prossimo obiettivo ora è ottenere biogas dai depuratori aziendali e produrre energia con gli “scarti corporei” di umani ed animali». Non sarà facile, soprattutto per le complicazioni burocratiche che affliggono chi vuole sottrarsi alla logica imperante del petrolio o a quella del nucleare, ma produrre energia senza inquinare è la “mission” di questo idealista generatore di idee ecologiche. «Non sa quanti muri burocratici vanno superati - continua Cilento - per realizzare impianti energetici a grassi animali: ma le sfide non ci fanno paura. E, poi, essere dei precursori significa dover sudare molto di più».
Le leggi in favore della “elettricità verde” ci sono, ma gli ostacoli sulla strada della reale attuazione di una politica energetica ecosostenibile sono spesso più forti della voglia e della determinazione di chi vuole provare a cambiare il sistema, senza fermare le sue attività, ma alimentandole senza inquinare l’aria o sporcare l’acqua. A cosa serve un Ministero dell’Ambiente, a cosa servono gli assessori regionali, provinciali e comunali alle politiche ambientali, se non a rendere facili progetti ecologici che pochi determinati ed ostinati imprenditori dimostrano essere concretamente già possibili? Perché in Italia chi vuole creare un appartamento, un’azienda o un intero settore imprenditoriale fondato sui principi di ecosostenibilità energetica deve diventare un cavaliere errante e come Don Chisciotte trovarsi a combattere contro i mulini a vento? Pardon, contro i mulini a petrolio...
 
 
26 luglio 2012
 
Indietro
 
 
© 2005 - 2017 chiaiamagazine.it | tutti i diritti sono riservati | edizione Iuppiter Group | P.IVA IT07969430631