IUPPITER GROUP | MEDIA • IuppiterNews • Iuppiter TV • Chiaia Magazine • La rivista del mare | LIBRI • Catalogo • Store
home | quelli di chiaia | S.O.S. chiaia | archivio numeri | news | primo piano | sollecitazioni | quartierissime | grande napoli | mobilità | banconote | saper vivere | movida
     
 
 
I sancarliani divisi fra Muscat e Moscow!
 
   
 
di Teresa Mori
 

“Inaugurare la terza stagione della nostra Royal Opera con il Teatro San Carlo mi sembra perfetto. Non c’è da stupirsi se ho pensato proprio al San Carlo, non solo per il prestigio di questo teatro in Italia e nel mondo, ma anche per il rapporto speciale che ho con Napoli, città che amo profondamente, e con la sovrintendente Rosanna Purchia”.

Così Christina Scheppelmann, direttore generale della Royal Opera House di Muscat, ha commentato la prima de Il Barbiere di Siviglia andata in scena al teatro omanita il 14 settembre. Il Massimo napoletano, dunque, si conferma come ambasciatore della cultura italiana nel mondo. Dopo lo strepitoso successo della tournèe ad Hong Kong, la squadra sancarliana è sbarcata in Medio Oriente, dal 14 al 19 settembre, ha presentato il Barbiere di Siviglia, prima opera rossiniana ad essere rappresentata nel paese arabico. Oltre al titolo rossiniano , il 19 settembre c’è stato anche un concerto dedicato a Verdi, “A Verdi celebration”, che si è concluso con una vera e propria standing ovation.

Il pubblico della Royal Opera di Muscat ha tributato ai solisti, orchestra e coro del San Carlo guidati dal tedesco Sebastian Lang-Lessing un’ovazione durata dieci minuti. Ma non è tutto, oltre dieci minuti di applausi hanno accolto anche il Corpo di Ballo del San Carlo impegnato in una nuova trasferta in Russia. Il 25 settembre lo staff sancarliano si è esibito in uno dei più prestigiosi  teatri del mondo, il Mariinsky di San Pietroburgo, tempio dell’arte coreutica e sede di una tra le più famose compagnie di balletto esistenti. In scena i Carmina Burana di Carl Orff firmati da Shen Wei, spettacolo prodotto dal San Carlo e andato in scena al Lirico di Napoli lo scorso luglio. Il Corpo di Ballo del San Carlo assieme ai danzatori della Shen Wei Dance Arts hanno deliziato il pubblico attraverso un allestimento onirico. Quello firmato dal regista sinoamericano è stato uno spettacolo tutto nuovo, che già aveva stupito il pubblico napoletano quando era andato in scena la scorsa estate.

28 settembre 2013

 
Indietro
 
 
© 2005 - 2017 chiaiamagazine.it | tutti i diritti sono riservati | edizione Iuppiter Group | P.IVA IT07969430631