IUPPITER GROUP | MEDIA • IuppiterNews • Iuppiter TV • Chiaia Magazine • La rivista del mare | LIBRI • Catalogo • Store
home | quelli di chiaia | S.O.S. chiaia | archivio numeri | news | primo piano | sollecitazioni | quartierissime | grande napoli | mobilità | banconote | saper vivere | movida
     
 
 
Il libro / Cinema all'aperto, il nuovo romanzo di Sergio Califano
 
 
 
di MARIA REGINA DE LUCA
 
Nel suo ultimo libro, “Cinema all’aperto”, (Iuppiter edizioni, 2015), Sergio Califano sembra porre nell’epigrafe una delle possibili chiavi di lettura. Se per Pirandello è l’amore che "ride del tempo", nel percorso lungo il quale l’autore ci conduce per mano è la vita stessa che elude le coordinate del tempo percorrendone le circonvoluzioni a ritroso negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza, mentre i confini del suo piccolo mondo si dilatano dalle pareti della casa ospitale e dalla chiesetta di San Michele fino al mare. Il paese delle sensazioni infantili si conserva saldo nella memoria, si rifugia in un angolo del cuore e ride del trascorrere del tempo. Le sue case, i suoi sentieri, la piccola piazza e, dalla finestra, arioso quanto il mare, lo schermo del cinema all’aperto, meta rituale delle serate estive, sono lo sfondo permanente delle sensazioni tra le quali quella del cigolio delle sedie di legno del cinema è il tramite perché l’incontro magico tra schermo e platea diventi emozione, memoria, voglia di ritorno, vittoria sul tempo e sulla vita. La sensazione, accucciata nel caldo della memoria e cera vergine dell’emozione, diventa "sentimento del tempo" insieme al sapore del formaggio paterno, dei capelli rossi del gigantesco Angelo-arcangelo-pescatore di abissi, delle salde amicizie, del primo amore. Stratificazione profonda di ogni successiva sovrastruttura il borgo è lì, nel sostrato profondo della memoria dove la verità non coincide con la realtà, ma la supera e la stravolge secondo il bisogno di chi la evoca. Se il cinema all’aperto è spazio e linea d’orizzonte che si sposta all’infinito come quella del mare, l’intesa con i personaggi e i luoghi del mondo infantile è per l’uomo adulto punto di partenza e di ritorno, coordinata spaziale che non cerca ancoraggi nel tempo. è tra quelle case antiche, tra vigneti e mare, nella piccola chiesa, nella casa ospitale e nel cinema all’aperto che le promesse non mantenute potranno realizzarsi, rifiorendo sulle rovine di una vita quasi non vissuta, come lo è un film visto da una finestra senza scricchiolii di sedie e respiri sui quali sintonizzare i propri nel buio complice della sala. Anche Laura è un film visto dalla finestra, nonostante la sua estraneità al paese dell’infanzia. Chi per un attimo ha dilatato gli spazi è la donna della porta accanto, Caterina, la vicina di lavoro che incastra l’uomo in un groviglio d’innocenza e inganno che potrà sciogliersi solo nella violenza di un evento dal quale uscirà l’uomo nuovo. Nella ragazza in fiore e nella donna navigata i rapporti spazio-tempo s’invertono, rendendo la prima uno schermo spalancato nel buio coi suoi affascinanti segreti e la seconda un’ombra sullo schermo vista dal sicuro delle pareti di una stanza. Nel gioco delle parti, interrotto da un tragico imprevisto, il sogno del ragazzo in partenza con la madre verso il paese diventa per l’uomo, finalmente consapevole della sua vita non vissuta, il viaggio a ritroso nel tempo. Ecco, sul grande schermo delle scelte, la via da percorrere, perché i sentieri spezzati, gli anni perduti trovino il loro sbocco e il loro respiro. Nel ritorno, sono i fantasmi a fargli strada e i sogni da battistrada, ma la meta è finalmente la vita col suo presente e col suo futuro e con il primo, quasi dimenticato amore. Non è un censimento nostalgico né un museo d’ombre quello che l’autore ci propone con un linguaggio attento e consapevole che sembra, talvolta, mettere ali alla narrazione. E a tal proposito, particolarmente allusiva può apparire la scelta dei nomi di uomini e fantasmi del paese. Le sorelle benefattrici, amiche d’infanzia della madre, si chiamano Pietra e Angelina, l’una àncora di salvezza, l’altra spirito benefico di Rosa che nei sogni del figlio sboccia ogni volta più bella e giovane. Il cognome è Colombo, (l’allegoria non ha bisogno di spiegazioni); il fabbricante di formaggio ha il nome del fiore più profumato di ogni serra, Giacinto. Il notaio che sancisce all’uomo la riacquistata dignità si chiama Palumbo e il pescatore dai capelli fiammanti ha il nome di chi fa per mestiere da tramite tra terra e cielo. Lo schermo luminoso del cinema all’aperto riproporrà forse i personaggi che hanno popolato la fantasia del bambino. Diventerà forse un cinema d’essai, ma con le sedie di legno, rigorosamente cigolanti.
 
 
29 ottobre 2015 - chiaia magazine
 
Indietro
 
 
© 2005 - 2017 chiaiamagazine.it | tutti i diritti sono riservati | edizione Iuppiter Group | P.IVA IT07969430631